<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1425082241143928&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

27/03/17 18.12

L'autenticazione di prodotto aiuta a proteggere i brand

Per i consulenti legali è importante saper offrire ai brand gli strumenti più efficaci per difendere le proprietà intellettuali. A tal proposito, l’autenticazione di prodotto è una strategia che non può essere ignorata. Essa, infatti, consente di ottenere dati significativi circa la frequenza delle contraffazioni di prodotto ed i luoghi in cui i beni falsificati vengono venduti, sia che si tratti di rivendite fisiche sia che invece si parli di siti web.

Il funzionamento di questo processo è piuttosto semplice: ogni prodotto, prima di essere messo in commercio, viene certificato attraverso un codice numerico o un QR Code, che i clienti possono poi verificare al momento dell’acquisto servendosi semplicemente di una connessione a internet e di uno smartphone o pc. Se il codice è un falso o un clonato, il sistema lo riconosce immediatamente, notificandolo sia al consumatore sia al brand.

Le conseguenze positive dell’impiego di questi sistemi all’avanguardia sono numerose per quanto riguarda le aziende. Ma uno degli effetti virtuosi principali è l’autenticazione di prodotto gioca un ruolo fondamentale nel proteggere i brand.

Fermare la brand dilution

Uno dei maggiori rischi per le imprese che hanno a che fare con la contraffazione dei loro prodotti è la brand dilution. Si tratta del progressivo indebolimento di un brand dovuto alla perdita di identificazione con una categoria di prodotto.

Quando un bene viene falsificato, non ne vengono replicate con precisione le qualità e gli elementi di innovazione su cui l’azienda originale ha investito molte risorse; al contrario, i falsari utilizzano materiali più scadenti, spesso dannosi, e processi di produzione non all’altezza di quelli autentici. Se, al momento dell’acquisto, un falso non viene riconosciuto come tale, si diffonde l’idea che quell’impresa produca beni di bassa qualità e che li venda ad un prezzo gonfiato. L’immagine di marchio di alto livello, quindi, rimane gravemente danneggiata, poiché nell’immaginario comune l’azienda viene identificata come scadente e poco trasparente.

Gli sforzi di innovazione e posizionamento del brand risultano quindi inutili, se non controproducenti. È dunque nell’interesse dell’impresa proteggersi dalle contraffazioni per evitare questa spiacevole situazione. E chi se non i consumatori finali devono essere il focus principale di una strategia che voglia fermare la distorsione della percezione di un determinato brand?

Il rapporto con i consumatori per creare un brand forte

Anche dal punto di vista della relazione marchio-cliente, l’autenticazione di prodotto può contribuire a evitare attriti; anzi, si tratta di un metodo che genera fiducia e soddisfazione per diversi motivi:

  • Permette un empowerment dei consumatori: consente ai clienti, infatti, di controllare in prima persona l’autenticità dei prodotti che comprano, rendendoli indipendenti e in grado di difendersi dalle truffe;
  • Crea collaborazione tra l’impresa e i suoi acquirenti: essi si alleano contro un nemico comune, sentendosi partecipi alla stessa battaglia;
  • Fa sì che i consumatori abbiano un ruolo attivo e che le loro azioni contribuiscano a generare una brand image incentrata sulla proattività e sulla sinergia con il pubblico.

Questa interazione continua non può che generare un forte legame di fiducia tra l’azienda e i suoi clienti, che tendono a fidelizzarsi. La fedeltà dei consumatori innesca un circolo virtuoso di lealtà da entrambe le parti. L’impresa, soddisfatta del tasso di ritenzione dei clienti, idealmente non alza i prezzi, non diminuisce la qualità offerta e non taglia i fondi dedicati all’innovazione dei prodotti, come altrimenti avrebbe fatto in caso di contraffazione. Così facendo, anche la soddisfazione dei clienti rimane alta.

Infine, è importante sottolineare che, quando un’impresa sa difendersi dalla contraffazione in modo efficace, diventa un bersaglio meno appetibile per i falsari, che preferiscono mirare a target più vulnerabili. Proteggere i brand può sembrare una strategia difensiva ma, in questo caso, si rivela essere il miglior attacco.

Se vuoi saperne di più sui temi di contraffazione e autenticazione di prodotto, scarica gratuitamente il nostro glossario.

New call-to-action

Ti sta a cuore l'autenticità dei prodotti?